Il futuro di una professione

La figura professionale del nutrizionista in Italia non e prevista da alcuna norma di legge. Tale titolo, secondo un parere espresso dal Consiglio Superiore di Sanita (nota del 15.12.2009 sez. II) e attribuibile indistintamente allo “specialista della Nutrizione Umana di diversa estrazione professionale medica e/o non medica (biologo, agronomo, farmacista, veterinario ecc…) …omissis”. Sono quindi numerose le figure professionali e sanitarie e non sanitarie che possiedono a vario titolo competenze in ambito nutrizionale, frutto di quel ‘sapere comune’ di chi opera nel campo della salute e del benessere, sia pur con gli opportuni distinguo.

Farmacista e nutrizione: a che punto siamo? Quali gli scenari attuali, e quali le prospettive per il prossimo futuro? Facciamo il quadro di una situazione complessa grazie al presidente di AFEN, Francesco Maria D’Amore.

Tra esse vi e senza alcun dubbio il farmacista. Concretamente, per esercitare a pieno la sua attivita professionale il farmacista valuta i fabbisogni terapeutici, ma anche nutrizionali ed energetici, del cliente/paziente tutte le volte che propone un farmaco SOP, OTC, medicinale omeopatico, farmaco fitoterapico, integratore alimentare, alimento o abbinamento tra essi, con specifico riferimento alla modalita di somministrazione, quantita e timing opportuno.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!